• Elena De Marco

Dicembre il mese dei Kaki


Il frutto del Kaki (Diospyros kaki L.) frutto di cui si parla forse poco, con i suoi colori sgargianti annuncia l’autunno, la stagione “di passaggio” responsabile spesso di spossatezza e stress psicofisico. E’ un ottimo espediente per prepararsi al meglio ai primi freddi!

In Napoletano viene detto legnasanta, per capire perché basta spaccare il semino che è all’interno del frutto per vedere apparire all’interno una caratteristica immagine della croce.

Simbolo di pace nel secondo dopoguerra è detto Albero dalle sette virtù

  • Famiglia: Ebenacee

  • Breve descrizione: alberi raggiungenti altezze piuttosto elevate (15-18 metri), di dimensioni generalmente non troppo imponenti

  • Foglie: ovali- bislunghe, estese e lucenti, caduche e poco appuntite

  • Fiori: esclusivamente femminili nelle piante coltivate, bianchi

  • Frutto: bacca sferica dal colore arancio carico

  • Raccolta: immaturi, la polpa del Kaki è soda, asprigna ed estremamente astringente

  • Kaki maturo: polpa molliccia, gelatinosa, presentante un colore tendente al brunastro

Kaki cucchiaino: La polpa, flaccida e gelatinosa, può essere mangiata con un cucchiaio, utilizzata per la realizzazione di centrifughe di frutta, costituire una matrice per marmellate, essere utilizzata per realizzare macedonie ed insaporire yogurt.

Kaki mela: Il frutto è simile alla mela per forma e consistenza (la polpa soda, quasi croccante, si taglia a fette), ma il sapore è tipico del Kaki.

In Giappone il Kaki è l'ingrediente principe per la preparazione di alcuni vini, e si presta alla realizzazione del sakè.

Frutto altamente energetico tanto da essere sconsigliato per chi soffre di diabete o di obesità ma raccomandato in caso di inappetenza, stress psicofisico e sport, è un buon diuretico e depurativo. Consigliato in caso di disturbi epatici, emorragie (virtù astringenti ed emostatiche dei frutti immaturi), cure antibiotiche perché le fibre favoriscono il ripristino della flora microbica intestinale.

Rapa e Cima di rapa - Brassica rapa L.

È una verdura tipicamente Meridionale, ma che negli ultimi decenni si è molto diffusa in tutta la Penisola. La cima di rapa (Brassica rapa subsp. sylvestris var. esculenta)

Coltivata soprattutto per la produzione autunno-invernale, viene in genere impiantata da luglio a settembre/ ottobre dopo una coltura primaverile-estiva. Viene seminata a spaglio o a file distanti 20 cm (manualmente o a macchina), interrando il seme a 1-2 cm. La densità colturale è di 20-30 piante a metro quadrato. Più rara è la semina in gennaio-febbraio per la produzione primaverile.

La Cima di rapa (nota anche come Broccoletto di rapa) viene coltivata per l'utilizzo delle infiorescenze e della parte tenera del fusto con le foglie, come verdura cotta. E' una produzione tipicamente mediterranea assai ricercata nel periodo autunno-invernale. Le regioni di maggiore diffusione sono il Lazio, la Puglia e la Campania.


85 visualizzazioni

Seguici sui social

  • Facebook - White Circle
  • Google+ - White Circle
  • YouTube - White Circle
Osterie d'Italia
Guida Slow Wine
Guida Olii extravergine
Il libro dei Presidi Slow Food
Il libro dei formaggi d'Italia
Slow Food Planet

Slow Food Costiera Sorrentina e Capri
ASSOCIAZIONE NO-PROFIT

CONDOTTA o CONVIVIUM È IL LIVELLO TERRITORIALE DI Slow Food Italia 

sito web versione beta  0.91  del  07/02/2019

Condotta Costiera Sorrentina e Capri 606
C.F.90076760637

Sede legale: via Silio Italico, 45 - 80053 Castellammare di Stabia (Na)
Sede operativa: Trav. Gottola, 36 - 80063 Piano di Sorrento (Na)

tel. 392.4011900 / 392.5879501

email: info@slowfoodcostierasorrentina.it