• redazione

La chiocciola Resiste: l'appello dei contadini della Campania, emergenza coronavirus

Aggiornato il: 1 apr 2020


La grande emergenza di questi giorni si tinge di colori diversi per ogni categoria di esperienze, sono giorni terribili per chiunque; dalla lotta per la vita dei malati di coronavirus, ai medici, agli operatori in prima linea, alle solitudini vissute nei propri appartamenti, al lavoro che si è fermato; ed una delle classi più colpite della rete di Slow Food è proprio quella dei ristoratori, fermi per decreto legge, ma dall'altra paradossalmente quella dei piccoli produttori, agricoltori, allevatori e trasfomatori, proprio ora quando si registra un aumento di vendite di beni alimentari in tutto il paese.


Dopo un Sondaggio lanciato due settimane fa dal Mercato della Terra Costiera Sorrentina a tutti i produttori della Campania, è emersa una triste realtà.

Non solo il dato più forte è che circa il 50% ha azzerato le vendite, ma che si sono interrotti, oltre i canali tradizionali, cioè la vendita nei GAS in città, nei Mercati della Terra e le forniture ai ristoranti, purtroppo anche le vendite ai negozi e supermercati per chi le praticava. E questo davvero non si spiega.



O forse si deve spiegare con l'eccesso dell'offerta che si è venuta a creare lato produttivo e che ha portato le catene delle distribuzione organizzata ad approfittarne pagando meno i produttori, tanto da allontanare soprattutto i più piccoli. Qui segnaliamo l'inchiesta di Stefano Liberti di questi giorni che denuncia come ancora i gruppi della grande distribuzione alimentare utilizzino le aste al ribasso.


Ma è nella rete puntuale dei piccoli produttori nelle campagne intorno a noi che ci sono i prodotti freschi più buoni, i prodotti tipici che stanno scomparendo, la trama della nostra identità, delle nostre tradizioni, della nostra storia e soprattutto l’arma più formidabile per la nostra salute, prodotti artigianali e liberi dalle minacce di un’omologazione planetaria dei gusti e da un’agricoltura industrializzata e chimica che ha perso le radici del gusto ed il contatto con i nostri piatti della tradizione.

I contadini hanno troppa dignità per lanciare un grido di dolore, lo facciamo noi per loro. Gli animali non possono essere abbandonati a sé stessi, il latte va raccolto, le potature vanno fatte, i braccianti vanno pagati


Hanno azzerato tutte le vendite perché vivono lontani dai centri cittadini, ma con spirito di iniziativa si stanno attrezzando con coraggio e con le loro apette e furgoncini, per consegnare uova, ortaggi freschi, salumi, formaggi, pane, pasta, frutta a chiunque ne faccia richiesta, soprattutto il migliore olio extravergine d’oliva dell’ultima campagna olearia e che giace invenduto. L’appello è a tutti i cittadini: compriamo dai produttori delle nostre campagne prima che scompaiano per sempre cancellati da questa emergenza e con loro tutti i prodotti della nostra infanzia che non esisteranno più, perché in questo momento il gusto, la salute e la solidarietà si uniscono insieme.

La mappa dei produttori lachiocciolaresiste.it lanciata dal Mercati della Terra di Slow Food Campania è un invito a tutti i consumatori a riprendere la buona alimentazione, a sostenere i nostri contadini e magari ad evitare di ingrossare le file dei supermercati già troppo intense.


«I Mercati della Terra, luoghi di incontro per una spesa diversa, ritorneranno appena sarà terminata l’emergenza e si farà festa, oggi invece sono i Mercati ad andare a casa delle persone» le parole di Mauro Avino il referente dei Mercati della Terra della Campania.


Alberto Capasso, il portavoce di Slow Food Campania, estende l’appello, oltre ai consumatori, anche a tutte le botteghe ed i negozi di città: «Anche voi potete fare la vostra parte, contattate direttamente i riferimenti nella mappa dei produttori lachiocciolaresiste.it. Portiamo in città i prodotti più buoni, sani e puliti delle campagne della Campania. Il pericolo è che, dopo l’emergenza, i nostri produttori, i custodi della biodiversità delle nostre terre e dell’ambiente, il patrimonio gastronomico della nostra storia regionale, potrebbe non esistere più. Diffondiamo questo appello, facciamo girare questa mappa, perché solo insieme si resiste».





251 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Seguici sui social

  • Facebook - White Circle
  • Google+ - White Circle
  • YouTube - White Circle
Osterie d'Italia
Guida Slow Wine
Guida Olii extravergine
Il libro dei Presidi Slow Food
Il libro dei formaggi d'Italia
Slow Food Planet

Slow Food Costiera Sorrentina e Capri
ASSOCIAZIONE NO-PROFIT

CONDOTTA o CONVIVIUM È IL LIVELLO TERRITORIALE DI Slow Food Italia 

sito web versione beta  0.91  del  07/02/2019

Condotta Costiera Sorrentina e Capri 606
C.F.90076760637

Sede legale: via Silio Italico, 45 - 80053 Castellammare di Stabia (Na)
Sede operativa: Trav. Gottola, 36 - 80063 Piano di Sorrento (Na)

tel. 392.4011900 / 392.5879501

email: info@slowfoodcostierasorrentina.it